Tumore della mammella -sintomi e trattamento-Roma

Tumore della mammella -sintomi e trattamento-Roma - Senologia -Tumore della mammella

Il tumore  della mammella. sintomi, fattori di rischio e trattamento

Sommario:

Tumore della mammella: definizione

Sintomi del tumore della mammella

Fattori di rischio del tumore della mammella

Trattamento medico del tumore della mammella

Trattamento chirurgico del tumore della mammella

 

I progressi nello screening e nel trattamento del tumore della mammella hanno migliorato notevolmente i tassi di sopravvivenza dal 1989. Secondo l'American Cancer Society (ACS), negli Stati Uniti ci sono più di 3,1 milioni  sopravvissuti al tumore della mammella. La probabilità che una donna muoia di cancro al seno è di circa 1 su 38 (2,6%).

La consapevolezza dei sintomi e la necessità di screening sono molto importanti per ridurre il rischio. In rari casi, anche il tumore della mammella può colpire gli uomini,

SINTOMI del Tumore della mammella

I primi sintomi del tumore della mammella di solito compaiono come un'area  nodulare nel contesto del tessuto mammario occasionalmente presente anche un nodulo all’ascella omolaterale

Altri sintomi del tumore al seno  includono:

  • dolore alle ascelle o al seno che non cambia con il ciclo mensile
  • arrossamento della pelle del seno, simile alla superficie di un'arancia
  • Un erosine  cutanea intorno o su uno dei capezzoli
  • secrezione da un capezzolo, possibilmente contenente sangue
  • un capezzolo introflesso
  • un cambiamento nelle dimensioni o nella forma del seno

La maggior parte dei noduli al seno  non sono cancerosi. Tuttavia, le donne dovrebbero consultare  un medico per un esame se notano un nodulo sul seno.

Stadi del tumore alla mammella

 

Esistono diversi modi per classificare  il cancro al seno. Un modo è dallo stadio 0–4, con categorie suddivise in ogni stadio numerato. Le descrizioni dei quattro stadi principali sono elencate di seguito, anche se il sottoscala specifica di un tumore può anche dipendere da altre caratteristiche specifiche del tumore, come lo stato del recettore HER2.

  • Stadio 0: noto come carcinoma duttale in situ (DCIS), le cellule sono limitate all'interno dei dotti e non hanno invaso i tessuti circostanti.
  • Fase 1: in questa fase, il tumore misura fino a 2 centimetri (cm) di diametro. Non ha interessato alcun linfonodo o ci sono piccoli gruppi di cellule tumorali nei linfonodi.
  • Fase 2: il tumore ha una dimensione di 2 cm e ha iniziato a diffondersi ai linfonodi vicini, oppure ha una larghezza di 2–5 cm e non si è diffuso ai linfonodi.
  • Fase 3: il tumore è largo fino a 5 cm e si è diffuso a diversi linfonodi o il tumore è più grande di 5 cm e si è diffuso ad alcuni linfonodi.
  • Stadio 4: il tumore si è diffuso ad organi distanti, molto spesso alle ossa, al fegato, al cervello o ai polmoni.

 

Cause del tumore alla mammella

 Dopo la pubertà il seno di una donna è costituito da grasso, tessuto connettivo e migliaia di lobuli. Queste sono piccole ghiandole che producono latte per l'allattamento. Piccoli dotti trasportano il latte verso il capezzolo.

 Il cancro provoca la moltiplicazione incontrollata delle cellule. Non muoiono al solito punto del loro ciclo di vita. Questa eccessiva crescita cellulare provoca il cancro perché il tumore utilizza sostanze nutritive ed energia e priva le cellule circostanti.

 Il cancro al seno di solito inizia nel rivestimento interno dei dotti del latte o dei lobuli che forniscono loro latte. Da lì, può diffondersi ad altre parti del corpo.

 

Fattori di Rischio del tumore alla mammella

 La causa esatta del tumore al seno  rimane poco chiara, ma alcuni fattori di rischio lo rendono più probabile. È possibile prevenire alcuni di questi fattori di rischio.

 

1. Età

 Il rischio di cancro al seno aumenta con l'età. A 20 anni, la possibilità di sviluppare il cancro al seno nel prossimo decennio è dello 0,06% All'età di 70 anni, questa cifra sale al 3,84%.

 

2. Genetica

 Le donne che portano alcune mutazioni nei geni BRCA1 e BRCA2 hanno maggiori probabilità di sviluppare il tumore al seno o il carcinoma ovarico o entrambi. Le persone ereditano questi geni dai loro genitori.

 Le mutazioni del gene TP53 hanno anche collegamenti con un aumentato rischio di cancro al seno.

 Se un parente stretto ha o ha avuto un carcinoma mammario, aumenta la probabilità che una persona sviluppi un tumore al seno.

 Le attuali linee guida raccomandano  che le persone nei seguenti gruppi richiedano test genetici:

 

  • quelli con una storia familiare di carcinoma mammario, ovarico, delle tube di Falloppio o peritoneale
  • quelli nei cui famigliari esiste una storia di carcinoma mammario correlata alle mutazioni del gene BRCA1 o BRCA2 ,

 

3. Una storia di cancro al seno o noduli al seno

 Le donne che hanno precedentemente avuto il cancro al seno hanno maggiori probabilità di sviluppare  di nuovo rispetto a quelle che non hanno una storia della malattia.

 Avere alcuni tipi di noduli mammari non cancerosi aumenta la possibilità di sviluppare il cancro in seguito. Esempi includono iperplasia duttale atipica o carcinoma lobulare in situ.

 

4. Tessuto mammario denso

  Le donne con un seno più denso hanno maggiori probabilità di ricevere una diagnosi di cancro al seno.

 

5. Esposizione agli estrogeni e allattamento

 L'esposizione prolungata agli estrogeni sembra aumentare il rischio di cancro al seno.

 Ciò potrebbe essere dovuto a una persona che inizia i propri periodi prima o entra in menopausa in età successiva alla media. Tra questi tempi, i livelli di estrogeni sono più alti.

 L'allattamento al seno, in particolare per oltre 1 anno può ridurre la possibilità di sviluppare il cancro al seno. Ciò è probabilmente dovuto al calo dell'esposizione agli estrogeni che segue la gravidanza e l'allattamento.

 6. Peso corporeo

 Le donne che sono  sovrappeso o sviluppano obesità dopo la menopausa possono anche avere maggiori probabilità di sviluppare il cancro al seno, probabilmente a causa di un aumento dei livelli di estrogeni. Anche l'assunzione elevata di zucchero può essere un fattore di rischio

 

7. Consumo di alcool

 Un tasso più elevato di consumo regolare di alcol sembra svolgere un ruolo nello sviluppo del cancro al seno.

 Secondo il National Cancer Institute (NCI), gli studi hanno costantemente scoperto che le donne che consumano alcol hanno un rischio più elevato di cancro al seno rispetto a quelle che non lo fanno. Coloro che bevono livelli moderati o pesanti di alcol hanno un rischio più elevato rispetto ai bevitori leggeri.

 

8. Esposizione alle radiazioni

 Il trattamento con radiazioni per un diverso tumore possono aumentare il rischio  di sviluppare il cancro al seno più avanti nella vita.

 

9. Trattamenti ormonalidei tumori della mammella

 Secondo l'NCI, gli studi hanno dimostrato che i contraccettivi orali possono aumentare lievemente il rischio  di tumore alla mammella

 Secondo l'ACS, gli studi hanno scoperto la terapia ormonale sostitutiva  (TOS), in particolare la terapia estrogeno-progesterone (EPT), è correlata ad un aumentato di cancro al seno.

 

Protesi cosmetiche e carcinoma mammario

 Una revisione del 2013 rilevato che le donne con protesi mammarie inserite per motivi estetici che hanno ricevuto una diagnosi di cancro al seno avevano anche un rischio maggiore di sviluppare  malattia.

Ciò potrebbe essere dovuto al fatto che gli impianti mascherano il cancro durante lo screening o perché gli impianti provocano cambiamenti nel tessuto mammario.

Tuttavia, una recensione del 2015 pubblicata su Aesthetic Surgery Journal ha scoperto che la chirurgia estetica della protesi mammaria non ha aumentato il rischio di cancro al seno.

Gli scienziati devono svolgere ulteriori ricerche per confermare il collegamento.

Tipi di tumore alla mammella

Esistono diversi tipi di tumore al seno, tra cui:

  • Carcinoma duttale: inizia nel dotto del latte ed è il tipo più comune.
  • Carcinoma lobulare: questo inizia nei lobuli.

Il carcinoma mammario invasivo si verifica quando le cellule tumorali si moltiplicano all'interno dei lobuli o dei dotti e invadono il tessuto vicino. Ciò aumenta la possibilità che il cancro si diffonda ad altre parti del corpo.

Il carcinoma mammario non invasivo si sviluppa quando il tumore rimane all'interno del suo luogo di origine e non si è ancora diffuso. Tuttavia, queste cellule a volte possono progredire verso il carcinoma mammario invasivo.

Diagnosi del tumore alla mammella

Un medico diagnostica spesso il carcinoma mammario a seguito di screening di routine o quando una donna si reca dal proprio medico dopo aver rilevato i sintomi.

Numerosi test diagnostici e procedure aiutano a confermare una diagnosi.

Esame del seno

Durante l'esame clinico , potrebbe essere necessario sedersi o stare in piedi con le braccia in posizioni diverse, ad esempio sopra la testa o ai lati.

Valutazioni delle immagini

Diversi test possono aiutare a rilevare il cancro al seno.

Mammografia: questo è un tipo di radiografia che i medici comunemente usano durante uno screening iniziale del carcinoma mammario. Produce immagini che possono aiutare un medico a rilevare eventuali calcificazioni o anomalie.

Un medico di solito seguirà qualsiasi risultato sospetto con ulteriori accertamenti diagnostici . Tuttavia, la mammografia a volte mostra un'area sospetta che può rivelarsi  non essere un cancro.

Ecografia mammaria : questa scansione utilizza onde ad ultrasuono per aiutare un medico a distinguere tra una massa solida e una ciste piena di liquido. Può essere detrminante per confermare il sospetto di un tumore e darne le esatte dimensioni

Risonanza magnetica : la risonanza magnetica (RMN ) combina diverse immagini del seno per aiutare un medico a identificare il cancro o altre anomalie. Un medico può raccomandare una risonanza magnetica come follow-up di una mammografia o di un ecografia  . I medici a volte li usano come strumento di screening per le persone a maggior rischio di cancro al seno.

Biopsia

In una biopsia, il medico estrae un campione di tessuto e lo invia per analisi di laboratorio.

Questo mostra se le cellule sono cancerose. Se lo sono, una biopsia indica quale tipo di tumore si è sviluppato, incluso se il tumore è o meno sensibile agli ormoni.

La diagnosi comporta anche la stadiazione del cancro per stabilire:

  • le dimensioni di un tumore
  • fino a che punto si è diffuso
  • che sia invasivo o non invasivo

La stadiazione fornisce un quadro delle possibilità di guarigione di una persona e del loro corso ideale di trattamento.

Trattamento del tumore alla mammella

Il trattamento dipenderà da diversi fattori, tra cui:

  • il tipo e lo stadio del cancro
  • la sensibilità della persona agli ormoni
  • l'età, la salute generale e le preferenze dell'individuo

Le principali opzioni di trattamento includono

Radioterapia

  • chirurgia
  • terapia biologica o terapia farmacologica mirata
  • terapia ormonale
  • chemioterapia

I fattori che influenzano il tipo di trattamento di una persona comprendono lo stadio del cancro, altre condizioni mediche e le loro preferenze individuali.

Chirurgia del tumore della mammella

Se è necessario un intervento chirurgico, il tipo dipenderà sia dalla diagnosi che dalle preferenze individuali. I tipi di chirurgia includono:

Lumpectomia o tumorectomia : comporta la rimozione del tumore e una piccola quantità di tessuto sano attorno ad esso.

Una lumpectomia può aiutare a prevenire la diffusione del cancro. Questa può essere un'opzione se il tumore è piccolo e facile da separare dal suo tessuto circostante.

Mastectomia: una semplice mastectomia  comporta la rimozione di lobuli, dotti, tessuto adiposo, capezzolo, areola e un po 'di pelle. In alcuni tipi, un chirurgo rimuoverà anche i linfonodi e il muscolo nella parete toracica.

Quarantectomia :asportazione di una porzione o dell'intero quadrante coinvolto dalla presenza del tumore mammario

Biopsia del nodo sentinella: se il carcinoma mammario raggiunge i linfonodi sentinella, che sono i primi nodi in cui un tumore può diffondersi, può diffondersi in altre parti del corpo attraverso il sistema linfatico. Se il medico non trova il cancro nei nodi sentinella, di solito non è necessario rimuovere i nodi rimanenti.

Dissezione linfonodale ascellare: se un medico trova cellule tumorali nei nodi sentinella, può raccomandare di rimuovere diversi linfonodi sotto l'ascella. Ciò può impedire la diffusione del cancro.

Ricostruzione postmastectomia: dopo la mastectomia, un chirurgo può ricostruire il seno per apparire più naturale. Questo può aiutare una persona a far fronte agli effetti psicologici della rimozione del seno.

Il chirurgo può ricostruire il seno contemporaneamente all'esecuzione di una mastectomia o in un secondo momento. Possono usare una protesi mammaria o un tessuto proveniente da un'altra parte del corpo.

Radioterapiadel tumore della mammella

Una persona può sottoporsi a radioterapia circa un mese dopo l'intervento chirurgico. Le radiazioni coinvolgono il tumore con dosi controllate di radiazioni che uccidono le cellule tumorali rimanenti.

Chemioterapianei tumori della mammella

Un medico può prescrivere farmaci chemioterapici citotossici per uccidere le cellule tumorali se esiste un alto rischio di recidiva o diffusione. Quando una persona ha la chemioterapia dopo l'intervento chirurgico, i medici la chiamano chemioterapia adiuvante.

A volte, un medico può scegliere di somministrare la chemioterapia prima dell'intervento chirurgico per ridurre il tumore e renderne più semplice la rimozione. I medici chiamano questa chemioterapia neoadiuvante.

 

Ormonoterapia del tumore alla mammella

 Terapia di blocco ormonale per prevenire il ritorno dei tumori al seno sensibili agli ormoni dopo il trattamento. La terapia ormonale può essere usata per trattare i tumori positivi per il recettore per estrogeni (ER) e per i recettori per progesterone (PR).

Di solito somministrano la terapia con blocco ormonale dopo l'intervento chirurgico, ma a volte potrebbero usarlo in anticipo per ridurre il tumore.

La terapia con blocco dell'ormone può essere l'unica opzione per le persone che non sono candidati idonei per chirurgia, chemioterapia o radioterapia.

I medici possono raccomandare a una persona di sottoporsi a terapia ormonale per 5-10 anni dopo l'intervento chirurgico. Tuttavia, il trattamento non influenzerà i tumori che non sono sensibili agli ormoni.

Esempi di farmaci per la terapia del blocco ormonale possono includere:

  • tamoxifene
  • inibitori dell'aromatasi
  • ablazione o soppressione ovarica

   Il trattamento ormonale può influire sulla fertilità.

  Trattamento biologico

I farmaci mirati possono distruggere specifici tipi di cancro al seno. Esempi inclusi:

  • trastuzumab (Herceptin)
  • lapatinib (Tykerb)
  • bevacizumab (Avastin)

I trattamenti per la mammella e altri tumori possono avere effetti avversi gravi. Quando si decide su un trattamento, le persone dovrebbero discutere i potenziali rischi con un medico e cercare modi per ridurre al minimo gli effetti collaterali.

Il futuro di una donna con diagnosi di tumore al seno

Le prospettive di una persona con carcinoma mammario dipendono dalla stadiazione. La diagnosi precoce e il trattamento di solito portano a una prospettiva positiva.

Secondo l'ACS, una persona che riceve un trattamento per il carcinoma mammario in stadio 0 o stadio 1 ha una probabilità del 99% di sopravvivere per almeno 5 anni dopo la diagnosi, rispetto alle donne che non hanno il cancro.

Se il carcinoma mammario raggiunge lo stadio 4, la possibilità di sopravvivere per altri 5 anni si riduce a circa il 27%.

Controlli e screening regolari possono aiutare a rilevare precocemente i sintomi. Le donne dovrebbero discutere le loro opzioni con un medico.

Screening regolare

Esistono diverse linee guida per la frequenza con cui le donne dovrebbero sottoporsi allo screening del cancro al seno.

L'American College of Physicians (ACP) raccomanda  donne di età compresa tra 40 e 49 anni con un rischio medio di carcinoma mammario di discutere i benefici e i rischi di screening regolari con un medico.

Tra 50 e 74 anni, le donne che hanno un rischio medio dovrebbero sottoporsi a screening ogni 2 anni. Oltre i 75 anni, i medici raccomandano solo screening per donne con un'aspettativa di vita di 10 o più anni.

Le linee guida sugeriscono  che le donne a rischio medio possono scegliere di sottoporsi a scansioni annuali dall'età di 40 anni in poi. Coloro che non lo hanno fatto dovrebbero iniziare lo screening annuale a 45 anni. Possono decidere di passare alle proiezioni ogni due anni quando raggiungono i 55 anni.

L'American College dei Radiologi  raccomandano una mammografia  , a partire dai 40 anni.

Nonostante le diverse raccomandazioni, la maggior parte degli esperti concorda sul fatto che le donne dovrebbero parlare con i loro medici dello screening del carcinoma mammario dai 40 anni in poi.

Prevenzione

Non c'è modo di prevenire il cancro al seno. Tuttavia, alcune decisioni sullo stile di vita possono ridurre significativamente il rischio di cancro al seno e altri tipi.

Questi includono:

  • evitando un consumo eccessivo di alcol
  • seguendo una dieta salutare contenente molta frutta e verdura fresca
  • fare abbastanza esercizio fisico
  • mantenere un indice di massa corporea nella norma

Le donne dovrebbero considerare le loro opzioni per l'allattamento al seno e l'uso della terapia ormonale sostitutiva dopo la menopausa, poiché questi possono anche aumentare il rischio.

 

 

 

Prof. Massimo Vergine- Chirurgia oncoplastica della mammella-

Breast Unit Policlinico Umberto I-Roma

 

 

 

Prenotazione visita senologica

Prenotazione visita senologica - Senologia -Tumore della mammella

 

 

Per informazioni e contatti info@massimovergine.it

   

Prof. Massimo Vergine
Univerista' "La Sapienza" Roma
Policlinico Umberto I
Dipartimento Scienze Chirurgiche


Studio: One day Medical Center - Via Ambrosini 114- Roma

 

 Per prenotazione visita in studio privato .:    Tel. 0645212038


Cell: 3396166430

 

Prof. Massimo Vergine- Chirurgia oncoplastica della mammella-

Breast Unit Policlinico Umberto I-Roma

 

 

 

  

Prof. Massimo Vergine iscritto 
all'ordine dei medici e chirurghi di Roma 
(n° iscrizione 38248) 
Si dichiara che il messaggio informativo e diramato nel rispetto delle linee guida dell'ordine dei medici di Roma

 

Senologia e chirurgia mammella

 

Autopalpazione del seno

 

Mastoplastica Additiva-Roma

 
Senologia -Tumore della mammella

Iscriviti al gruppo di Senologia e prevenzione del tumore al seno per essere sempre informato e aggiornato

  • 26/02/2020
  • Invia a un amico
© Copyright 2020 Senologia -Tumore della mammella. All rights reserved. | powered by Register.it - Disclaimer | Mobile |

Entra nell'area di amministrazione del sito